Webinar Ascai

Social Media Engagement


come alimentare la partecipazione e monitorare la conversazione
in azienda attraverso il social media interni

BENCHMARK WEBINAR ASCAI 

 

L'investimento delle aziende nei social media conosce da tempo un deciso trend espansivo per ragioni legate soprattutto alla continua evoluzione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ma va sottolineato come il fenomeno sia decisamente cresciuto in questi due ultimi anni di emergenza pandemica, complice il cambiamento vissuto dai più tradizionali modelli organizzativi del lavoro. 
Così per i comunicatori interni, che da sempre affrontano il compito di rimuovere barriere e sviluppare strategie per ingaggiare colleghi di generazioni e livelli di lavoro diversi, il cambio di marcia non è stato dettato tanto dall'obbligo di rimanere al passo con le tendenze del digitale, quanto soprattutto da uno sconvolgimento del sistema di relazioni umane, con la sperimentazione di nuovi e diversi equilibri nei modi e nei tempi di vita, oltre che di lavoro.
E i social adottati dalla comunicazione interna hanno fatto in tal senso la differenza, sebbene in un momento storico straordinario, quanto meno evidenziando come le persone siano sempre alla ricerca di nuove formule di condivisione per essere maggiormente coinvolte.
Una conferma che avevamo del resto registrato anche in occasione della recente indagine condotta da Ascai con il Censis, che al primo posto tra le aspettative dei lavoratori di grandi imprese ha collocato proprio il coinvolgimento e la motivazione: far sentire le persone parte integrante di una comunità aziendale, farli sentire soddisfatti e felici del proprio luogo di lavoro. Una sfida decisiva alla quale possono dare risposta solo strumenti social capaci di fare la differenza, come quelli raccontati nel webinar organizzato da Ascai con Sella Holding, Unipol Sai, Tim e Poste Italiane il 23 febbraio.